Passa ai contenuti principali

Freda Kelly La segretaria dei Beatles - la recensione

Ieri  27 maggio ho fatto una cosa che non facevo da tempo, ma che mi piace, andare da sola al cinema. per il documentario "Good Ol' Freda", ribattezzato in italiano "Freda Kelly, la segretaria dei Beatles".
In un impeto di orgoglio segretariale sono voluta andare a vederlo a tutti i costi, sia perchè AMMETTIAMOLO è un lavoro considerato molto poco prestigioso o intelligente, sia perchè adoro i film che siano vagamente profumati di musica, band e storie di canzoni.
"Ero e sono una semplice segretaria, e chi vuole sentire la storia di una segretaria"? Lo dice anche lei, "semplice segretaria", come se fosse scontato, mentre si tratta di un lavoro molto faticoso, al contrario di quello che si possa pensare.
Ma questa non è una battaglia sociale, è la storia di Freda.


Non aspettatevi un film di Beatles. I 4 ragazzi ci sono, ma sono sullo sfondo, la vera protagonista è lei, ed il suo lavoro con il fan club, oltre che con Epstein.
Freda non si da minimamente delle arie, è una donna molto simpatica, devota alla sua band, determinatissima e leale, una persona che pur potendo non ha sfruttato come molti la propria esperienza per farne soldi a palate.
Ha voluto girare questo documentario, lo spiega nei filmati, perchè gliel'ha chiesto suo figlio, e perchè la memoria non le venisse a mancare senza questa preziosa testimonianza su una delle band più famose al mondo.
E' il suo punto di vista, personalissimo, da fan numero uno, ma senza le follie delle ragazzette della sua età.
Si è trovata al posto giusto, nel momento giusto, con le persone giuste.
IL SOGNO DI OGNI FAN!


Si tratta di un documentario davvero delizioso, che scorre velocissimo. Il periodo coperto dal racconto di Freda sono i 10 anni in cui i Beatles sono stati insieme ed un altro anno, quando ormai le cose erano finite tra loro.
Non si può non notare quanto la tenessero in considerazione, e quanto sia stata "nell'occhio del ciclone" pur restando se' stessa. Ancora oggi lavora come segretaria dalle 9 alle 5 e conduce una vita normalissima.

Commenti

  1. Ci sono professioni e persone che diamo per scontate eppure cosa avrebbe combinato da solo uno -pur bravo- come Epstein?

    RispondiElimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA