Passa ai contenuti principali

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. Pioggia, polvere e occhi sembrano scaturire dalle cornici in un'azione immortale.
Ed ho scoperto, da profana, da fotografa della domenica con un'inclinazione per la pellicola, che per fare una splendida foto non è importante la macchina fotografica, la messa a fuoco, il rullino di marca o il soggetto.
E' essenziale invece la luce che gioca con le linee in una geometria armoniosa di forme.
Non serve che tutto sia nello scatto, serve invece che il fotogravo "veda" con gli occhi dell'anima quel momento decisivo, quella perfezione quasi pittorica nella scena.
La premonizione di una visione attraverso l'occhio del fotografo e della macchina. Che sia una Leica, una Diana Mini, una canon digitale ultimissimo grido.
Non esiste ritocco di Photoshop che possa migliorare una foto priva di questo disegno.



Tutte le foto sono di proprietà della FONDAZIONE HENRI CARTIER BRESSON

Commenti

  1. Grazie per la segnalazione!

    RispondiElimina
  2. Come hai detto benissimo, bisogna saper vedere prima ancora di saper fotografare.
    Ma si impara, sia l'uno che l'altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici che si impara a saper vedere?
      Sulla tecnica fotografica nulla da dire, ma sul saper vedere sono in dubbio.
      Però se fosse come dici tu sarebbe una speranza per quelli che non saranno mai "grandi artisti", ma che pure amano la fotografia.

      Elimina
    2. Parlo per esperienza personale. Da quando ho ricominciato a fotografare seriamente ho iniziato a vedere cose che voi umani… :-)
      No, davvero, vedere il mondo attraverso l'obiettivo della macchina fotografica per me ha significato un cambio generale di percezione, un'attenzione diversa rispetto all'esterno.

      Credo che per gli occhi valgano un po' le stesse regole che usiamo quando parliamo di educare l'orecchio. Alla base ci dev'essere una grande umiltà, una disponibilità a mettersi in gioco, a non dare nulla per scontato. Date queste basi il resto è solo pratica ed esercizio.

      Elimina
  3. Cartier Bresson aveva il dono di saper cogliere l'inquadratura giusta. Penso sia una cosa innata. Io almeno, pur potendo contare su un papà fotografo dilettante ma abbastanza preparato, non ho mai appreso qual è la giusta inquadratura o la giusta luce.

    RispondiElimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA