Passa ai contenuti principali

Perchè le cose in Italia non funzionano

No, non è un post politico. Solo polemico sul modo di lavorare in Italia, uno dei motivi per cui il Paese va allo sfascio.
Compro on line da molti anni, mi posso ritenere notevolmente scafata in merito. Ho affrontato venditori truffaldini, pessimi, ottimi, eccellenti, fanfaroni, fasulli, simpatici o meno.
Ho comprato di tutto, soprattutto all'estero. Sebbene io ci tenga a contribuire allo sviluppo del Paese, ho dovuto constatare fuori e dentro la rete che il CUSTOMER CARE qui da noi non è una RELIGIONE come altrove.
Lo si nota dalle risposte alle email, che dai venditori italiani sono spesso sgrammaticate, scritte male, cortissime ed incomplete. Dalla furbizia di far pagare due volte la spedizione e poi sparire.
Ci vuole poco a fare un cliente felice, ed è molto semplice, basta dargli quello che vuole.


ESEMPIO PRATICO


Guardare questo sito italiano, vende teche in plexiglass anche su misura:


TECHE E BACHECHE


sito web con pochissime info e nessun prezzo, per conosceli bisogna scrivere.


Vi invito adesso a consultare questo sito tedesco


SORA SHOP


con TUTTE le info immaginabili, prezzi, misure, materiali, foto, gallery dei clienti, spese di spedizione.


Dove credete che farò il mio acquisto?


Non si può mettere on line un sito senza prezzi o informazioni dettagliate nel mondo di oggi, dove si vuole e si ottiene ogni informazione in pochi minuti. Non prenderò mai la briga di contattare il venditore per sapere i prezzi, LI VOGLIO GIA' VEDERE senza perdere tempo in infruttuose e lunghe corrispondenze.


La rete in questo ci ha aperto gli occhi, su quello che da clienti possiamo pretendere.



Commenti

  1. Fermo restando che di delinquenti ne ho incontrati su eBay in tutto il mondo, sì, noi italiani ci distinguiamo per pressapochismo, sciatteria, maleducazione.
    Un altro poco invidiabile primato.
    Peccato per costoro che, esattamente come nella vita reale, una volta che sono entrato nel tuo negozio col cazzo che mi ci rivedi, e anzi, faccio anche un bel po' di pubblicità negativa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo. E su Ebay anche io ho incontrato disonesti, ma aprendo la controversia con Paypal hanno risolto tutto loro e ho sempre avuto indietro i miei soldi.

      Elimina
  2. "noi italiani ci distinguiamo per pressapochismo, sciatteria, maleducazione."

    Purtroppo è vero ed in questo continuiamo a farci del male da soli!

    RispondiElimina
  3. Io andrei sul primo... sai che emozione aspettare la fattura? XDXD

    A parte gli scherzi, concordo in pieno.

    RispondiElimina
  4. Conviene abituarsi a ordinare in Germania, a questo punto... Comunque è un'esperienza già fatta e vissuta. Non so per quanto tempo gli italioti continueranno a fare i furbetti per ottenere questi risultati...

    RispondiElimina
  5. E' una follia non cercare di migliorare il servizio clienti online in moltissimi siti. Del resto anche nei negozi "non online" molti commessi danno l'idea di fare un grandissimo favore a chi acquista. Assurdo.

    RispondiElimina
  6. Benvenuta Greta e grazie a tutti per i commenti. Si, anche io ho l'impressione che qui mi facciano quasi un favore ad acquistare.
    Ah. E dall'estero la fattura la mandano SEMPRE.

    RispondiElimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA