Passa ai contenuti principali

SONG OF THE WEEK: Wasted Years (IRON MAIDEN)

Ascolto gli Iron Maiden regolarmente, almeno una volta al dì. Le loro canzoni mi riportano indietro al tempo dei sogni, quando la musica era tutto e racimolare faticosamente i soldi per un vinile era una ragione di vita.
Non comincerò la lagna di "quand'ero giovine e le giunture non mi duolevano e cercavo pepite nel Klondike" salmodiando della bellezza della gioventù. All'epoca ero nerd, metallara e poi dark. E i nerd metallari e poi dark non avevano vita facile tra i coetanei.
Gli Iron Maiden hanno scritto pezzi che valicano gli "oceani del tempo" per dirla alla Dracula, e non riesco a stancarmene. Può darsi che qualcuno insorga dicendo "eh ma non sono più quelli di un tempo" (li avete visti sul palco? E poi nemmeno noi lo siamo)... oppure "ma non scrivono più niente di nuovo dai tempi di (CITAZIONE ALBUM)".
I loro testi sono molto al di sopra della media del genere pieni di riferimenti letterari, oltre alle tematiche di prassi. Per me è essenziale che un ottimo brano sia corredato di testo degno.

E poi la musica.
Se devo spiegarvi la musica degli Iron Maiden, di come sappiano suonare, tenere il palco con Bruce Dickinson e delle emozioni che suscitano nel pubblcio di ogni età, allora ascoltate pure Celine Dion (non se ne abbiano a male i fan di Celine, ma era il primo riferimento melodico-soft che mi è venuto in mente).

ALBUM: Somewhere in time
ADATTO A: serata con amici; sesso; pub; tragitto casa-lavoro per trovare la carica; attacco di zombie; guida navicella spaziale; trip mentali sul tempo che fugge (in tal caso associare Time dei Pink Floyd per esaltarne la riflessione)

Wasted Years

From the coast of gold, across the seven seas
I'm travellin' on, far and wide
But now it seems, I'm just a stranger to myself
And all the things I sometimes do, it isn't me but
someone else

I close my eyes, and think of home
Another city goes by in the night
Ain't it funny how it is, you never miss it 'til it's
gone away
And my heart is lying there and will be 'til my
dying day

[Chorus:]
So understand
Don't waste your time always searching for
those wasted years
Face up... make your stand
And realise you're living in the golden years

Too much time on my hands, I got you on my mind
Can't ease this pain, so easily
When you can't find the words to say it's hard to
make it through another day
And it makes me wanna cry and throw my
hands up to the sky

[Chorus:]

Commenti

  1. "ADATTO A: serata con amici; sesso; pub; tragitto casa-lavoro per trovare la carica; attacco di zombie; guida navicella spaziale; trip mentali sul tempo che fugge (in tal caso associare Time dei Pink Floyd per esaltarne la riflessione)"
    Condivido. ;)

    RispondiElimina
  2. Ti piace vincere facile! Questa è una delle mie preferite, anche se non posso dire lo stesso dell'album di cui fa parte.
    Ultimamente non li ho seguiti, ma posso dire di essere uno dei pochi a cui Dance of Death non è dispiaciuto. E qui di solito mi becco gli insulti! ^^
    Per il resto, credo di apprezzare tutto, salvo forse l'era Bayley (e non per colpa sua).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah già il "povero Blaze", una voce tutt'atro che trascurabile.
      Si è trovato nel posto sbagliato al momento sbagliato, insimma gli Iron erano in crisi, le vicende personali di alcuni di loro un casino, la band in fase di stanca.
      E poi chi potrebbe sostituire Bruce Dickinson, siamo seri, è una battaglia persa in partenza.
      E' come se io cercassi di eguagliare in bellezza Charlize Theron, non c'è storia, non si può fare, è stupido persino pensarlo.
      Bayley è stato il parafulmine di scelte sbagliate della band, del manager, ha voluto "cogliere l'occasione" fors edopo aver visto il film Rockstar e se n'è andato con nulla di fatto se non due album poco degni. ma come dici tu la colpa non è sua, è di tutti.

      Elimina
  3. Adoro questa canzone! Quanti ricordi... ç___ç

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già...! A me piace tutto l'album, a dire il vero,a nche se è poco "gettonato"

      Elimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA