Passa ai contenuti principali

PURPLE RAIN

Appunto e compro da diverso tempo titoli dei film sulla musica, sulle band o con argomento principale la musica che mi sono capitati a tiro, sia che mi piacciano oppure no.
Controversi e un po' messi da parte, rappresentano dei cult da ripercorrere anche solo per ricordare periodi in cui i capelli venivano cotonati e le spalline impazzavano in orride magliette fosforescenti, come in questo caso.

Ho tre modi di pensare ad un film ed inauguro qui ed ora la stagione di cvitica  cinematogvafica(per citare Lucia nel suo imperdibile articolo):

FAVORE DI PUBBLICO: Le peripezie di un adolescente di talento musicale alle prese con problematiche familiari e amori giovanili. Ottima colonna sonora.
SFAVORE DI PUBBLICO: Un tamarro picchiato (giustamente) dal padre per come si concia quando esce di casa. Moto da Folie Bergère e donnine svestite e poppute non salvano la pellicola. Colonna sonora moscia e ripetitiva.

CRITICA INTELLETTUALE: Una pellicola introspettiva senza tempo sulla filosofia adolescenziale americana e sulla ricerca di indipendenza osteggiata da un ambiente familiare afissiante e malato. L'amore, pur manifestato con turbamenti acerbi, non resta puro divertissement, ma declina la struttura narrativa dell'opera suprema di Prince, musicista ed attore di primitiva matrice neorealista.


Ho visto questo film per la prima volta in Francia, nel 1984. Primo viaggio all'estero, bagordi e nottate in bianco da quattordicenni.
Il film era un evento attesissimo, strombazzato persino dalle tv europee.
Nonostante la trama debole e un pesante maschilismo di fondo (non inusuale in tutta la produzione cinematografica degli anni '80), il film resta un film cult soprattutto per la colonna sonora che ha trainato la pellicola.
Il ruolo di Apollonia fu inizialmente offerto a Jennifer Beals (Alex Owens in Flashdance, 1983), ma lei rifiutò preferendo Yale (o avendo sentore della sceneggiatura pietosa, cosa più probabile, ma fa più puzza sotto al naso dire "preferisco Yale").
Nonostante il parziale insuccesso della pelliccola è stato caparbiamente prodotto un sequel che nessuno conosce, nemmeno io, che si chiama Graffiti Bridge in cui  Prince si atteggia ancora di più (se umanamente possibile).
Per i curiosi esteti che amano la vita spavalda su due ruote ed un pizzico di fru fru, la moto guidata dal centauro più basso della storia umana è una Hondamatic viola CM400A del 1981.
Senza sapervi spiegare il perchè resta in ogni caso un film cult (anche per me), zeppo di assurdità anni '80 e con una delle original sountrack più conosciute del decennio.


Fonte locandina qui
Fonte immagine moto qui

Commenti

  1. Me lo ricordo il film, eccome. Francamente noiosetto con Prince che se la tira alla stragrande.
    Certo col senno di poi, questi atteggiamenti non è che gli siano serviti più di tanto; la musica è cambiata (in tutti i snesi) e lui non si è saputo adeguare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, è sempre stato sopravvalutato musicalmente e poi se la tira un fracco...

      Elimina
  2. Non sono mai riuscito a vedere il film per intero, che quel che è troppo è troppo.

    Però ho consumato la cassetta con quell'album (e gli altri) che Prince è stato per un certo periodo uno dei miei riferimenti musicali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uauaua... il troppo è troppo!
      Io ho ancora l'LP!!
      Per me è stato solo l'album un riferimento musicale, Prince no. Tra l'altro uan cugina che vive a Londra l'ha pure incontrato. Al tempo pare fosse alquanto marpione e pretenzioso.

      Elimina
  3. Sì, me lo ricordo anche io! Mamma mia che cosa hai riesumato!
    Però la moto era bella, e la musica anche, stupenda...
    Bisognerebbe fare una bella rassegna su tutte le pop star anni '80 che si sono avventurate in territori cinematografici.
    E grazie per la citazione ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Innanzitutto benevenuta in mia casa!
      Poi tranquilla, che le po-rock star anni 80 e non invischiate cinematograficamente te le cito tutte!
      Ad esempio Gene Simmons in Morte a 33 giri, è un film che sconfina persino nel tuo blog (come genere, non come qualità)

      Elimina
  4. Non ho mai sopportato Prince (né il personaggio, né la sua musica)... quindi mi tenni alla larga, all'epoca, da Purple Rain.
    Di conseguenza, non ho un'opinione su di esso, anche se i tempi sono maturi, credo, per un recupero dal sapore vintage-retrospettivo.
    Purple Rain è assimilabile ad un'altra cosetta palesemente autocelebrativa di quegli anni, Moonwalker di Michael Jackson... che a rivederlo oggi non ci si crede quanto è anni ottanta eppure imperdibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora verrai legato ad una sedia e costretto a guardarlo in 17 lingue diverse...!
      Scherzo, piuttosto...sai che non ho mai visto MOONWALKER?
      Hai aggiunto un titolo alla mia lista tutt'altro che smilza.
      Provvederò nel weekend.
      Grazie!
      Comunque l'autocelebrazione impazzava negli anni '80...

      Elimina
  5. In realtà di film sfacciatamente autocelebrativi ho visto solo "Bodyguard", a scuola, costretto dalla prof di inglese. Per il resto mi sono salvato e non ho visto neanche questo "Purple Rain".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Almeno ti hanno fatto vedere un film normale...a noi facevano vedere solo film a sfondo religioso...

      Elimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA