Passa ai contenuti principali

IL POSTO DELLE ONDE - di Lucia Patrizi

Per Natale mi hanno regalato il Kindle Paperwhite. Confesso, ero ostile e un po' contrariata all'idea del sommo tradimento alla carta stampata e a quello che significa per me: odore, sottolineature, tatto.
Ma. Mi devo ricredere, è uno strumento alquanto interessante che mi ricorda il PAD di Star Trek...
Per vincere la contrarietà ho scelto un e-book di una autrice che conosco già, poichè leggo il suo blog Il Giorno degli Zombi, sto parlando di Lucia Patrizi. Mi piace molto come scrive nel blog, mi piacciono le sue recensioni argute ed ironiche, ma assolutamente competenti.
Posso dire che in fatto di horror sia la persona più competente che leggo.
Sapevo quindi che Il Posto delle Onde sarebbe stato un libro di qualità, ed era perfetto per cominciare il balletto con il mio primo e-book.

Questo e-book è scritto mirabilmente, non riuscivo a smettere di leggerlo, anzi, mi sono trattenuta per non leggerlo troppo velocemente perché mi ero irrimediabilmente affezionata a River, Alice e Bruce. 
Sebbene l'ambientazione sia l'apocalisse, scenario che ben conosciamo, nulla è scontato, specialmente il punto di vista.
Mi sono piaciute tante tante cose, ho sentito il libro nelle mie corde immediatamente, leggendo le citazioni di brani musicali all'inizio di ogni capitolo, cogliendo dei riferimenti a Virginia Woolf e Lovecraft, i riferimenti alla Scozia, tante piccole minuzie che ho adorato.
La scrittura è incalzante, eppure lascia il tempo di immaginare il mondo a cui i personaggi cercano di sopravvivere. E il contrasto tra il blu del mare e l'ocra del deserto è pazzesco, l'ironia è molto british - come piace a me - la musica è palpabile ed essenziale parte del racconto. 
Ma non voglio dire altro per evitare SPOILER.
Sono molto contenta di aver iniziato con questo libro, e ringrazio Lucia per averlo scritto, questa ragazza è un talento non da poco.

NOTA: immagine dell'e-book di proprietà di Lucia Patrizi; immagine del pad di proprietò di Star Trek.

Commenti

  1. Grazie infinite per la segnalazione. L'ho inserita nei miei prossimi leggibili.

    RispondiElimina
  2. Bene, sono contento che il libro ti sia piaciuto. Lucia merita moltissimo!

    RispondiElimina
  3. Gli ebook ti pigliano a poco a poco: solo dopo un po' che li usi ti rendi conto di quanto siano fantasticamente comodi. Un po' come lo è stato iniziare ad usare l'iPod, per dire.
    Di questo romanzo, invece, non so nulla. Una breve sinossi? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono rimasta vaga apposta, per non scrivere spoiler! Diciamo che si tratta di due personaggi che sopravvivono all'apocalisse di mostri riversati nel nostro universo.
      E' uno scenario a noi ben noto, ma la prosa di Lucia è avvicente e la storia non è scontata. E' un altro punto di vista sull'apocalisse.

      Riguardo al Kindle m'ha preso a tradimento, sono innamorata!!!!

      Elimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA