Passa ai contenuti principali

Guy Portoghese, un anno fa

Un anno fa, di sera, un sms mi comunicava che Guy Portoghese non era più tra noi.
Era morto.
Siamo sempre così timidi nell'usare queste parole, quasi che The Reaper possa venirci a prendere se le pronunciamo troppo, una specie di macabro Beetlejuice.
Morto. Morto. Morto. La parola più odiosa e definive di tutte che non si può applicare a chi ami.
Non è facile lasciare andare qualcuno che si è amato tanto e la cui amicizia è durata molto, molto a lungo. Pertanto lo lascerò dove deve stare, tra miei pensieri e ricordi, nel cuore e accanto a me sul sedile della mia macchina mentre torno dal lavoro, quando posso immaginare che mi accompagni per un tratto di strada.
Alcuni momenti delle nostre vite sono dei crossroads in cui tutto cambia, e qualcosa che prima era smette di esistere o muta inesorabilmente o cambia direzione.
Un anno fa è stato reciso il mio legame con la mia vita di prima e sono cambiata, sono adulta, ho smesso di credere in alcune certezze.
Sapevo che il suo cuore fosse malandato, ma non che l'avrebbe tradito.
Impossibile pensare di non ascoltare più la sua musica, lui che aveva suonato con Brian Setzer, che faceva della musica la sua vita, che una sera d'estate aveva chiesto a Chuck Berry di improvvisare col suo sax.

Amavo la musica, ma lui mi ha insegnato il rock n'roll.

 
 
 
 
 
 
 
* i diritti sui video sono dei legittimi proprietari

Commenti

  1. È sempre dura quando le persone importanti per noi, quelle che credevamo eterne ci lasciano. Non importa quanto tempo sia passato dalla loro morte: il vuoto rimane.
    La cosa che mi sento di augurarti è che i ricordi, il dolore e il senso di abbandono possano diventare sempre più lievi e dolci.

    RispondiElimina
  2. Molto commovente il tributo in ricordo di questo straordinario Artista (nonché grandissimo amico tuo cara Lady Simmons!)
    Lui approverebbe la maniera in cui hai celebrato la sua memoria e la sua arte (ne sono certa!).
    Qui di seguito alcuni aforismi (a ricordarci che siamo SOLO DI PASSAGGIO.....)
    Quote

    Noi moriamo soltanto quando non riusciamo a mettere radice in altri.
    (Leone Tolstoj)

    La verità siede sulle labbra degli uomini morenti.
    (Arnold Matthew)

    Il privilegio dei morti: non moriranno più.
    (Gabriele D’Annunzio)

    La vita dei morti sta nella memoria dei vivi.
    (Cicerone)

    Nella mia fine è il mio principio.
    (Maria Stuarda)

    Il pensiero della morte ci inganna, perché ci fa dimenticare di vivere.
    (Vauvenargues

    UNQUOTE

    Aunt M

    RispondiElimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA