Passa ai contenuti principali

VI CHIEDO UN IMPORTANTE CONSIGLIO

La questione è questa, e per me molto importante.
Da qualche una coppia di discutibili esseri umani nel mio condominio lascia il cane per diverse ore da solo sul balcone, sia che loro siano in casa, sia che non ci siano.
Il cane ha due ciotole, suppongo piene e viene messo dentro alla sera per la notte. Di giorno io ci sono solo dalle 18.30 circa e da allora fino alla sera il cane è lì. Anche sabato e domenica spesso è lì, specie se hanno ospiti.
Questa povera anima guarda la loro vita da fuori, scodinzola quando loro si avvicinano alla finestra, ma non riceve attenzione, per quanto io possa vedere.
La finestra è sbarrata dalla zanzariera o come adesso dalla porta. Ora non ci sono, io sono a casa dalle 19 ed il cane è lì fuori su una federa di cuscino, non so se piena, ogni tanto si alza per vedere se qualcuno arriva, poi ulula di disperazione, poi tace rassegnato.
Preciso che a me NON DA ALCUN FASTIDIO la bestiola, sono solo in pena perchè mi sembra assurdo trattare così un animale.
Ho avuto un cane per 17 anni ed era libero di andare dove voleva in casa, non è mai dico mai stato chiuso da qualche parte, se non per qualche minuto in situazioni di pericolo per lui (era caduto qualcosa di nocivo che poteva leccare o mangiare) o per evitare che si scalmanasse quando aveva i punti che potevano aprirsi. Per il resto ha vissuto con noi in piena libertà e rispetto della sua natura.

Chiedo consiglio su cosa fare:

1. scrivo all'amministratore?
2. parlo con loro (sono persone incivili e irragionevoli)
3. chiamo i Carabinieri
4. faccio una denuncia
5. mando il filmato del cane a Striscia la Notizia

La mia paura è che lo mettano alla porta se vedono che un vicino protesta per le sue condizioni, tipo che lo abbandonino per strada o peggio.
Io non li ho MAI MAI MAI MAI visti fare a lui una carezza o una coccola.
Questo cane è invisibile.
Guarda la loro vita e quella della figlia piccola da un balcone.
Il beneficio del dubbio è che io non vedo la loro vita dalla mattina alla sera, ma in ogni caso trovo che sia un comportamento sbagliato, un maltrattamento.
So che hanno comprato casa e che a breve si trasferiranno.

Cerco anche leggi di riferimento che possano aiutarmi, è urgente, grazie.

**AGGIORNAMENTO
La Lav ha risposto immediatamente dichiarandosi disponibile ad un sopralluogo e verificare il da farsi.
Nel frattempo l'amministratore dopo sollecitazioni ha parlato col "signore" in questione ed il cane quando loro non ci sono resta finalmente dentro casa. Ha smesso di ululare.
Ma il "signore" mi ha fatto trovare una merda gigante davanti al cancello del box il giorno dopo la chiacchierata con l'amministratore.
Pazienza. Meglio un po' di merda che vedere ogni giorno un cane che si dispera. Vediamo quanto dura.
Grazie per il supporto prezioso.

Commenti

  1. La situazione è delicata. Il buon senso direbbe di parlare con i proprietari, ma so per esperienza che non sempre serve...

    Qualche riferimento giuridico (anche se non studio diritto da un po')...
    L'articolo 544 del Codice Penale si occupa del maltrattamento degli animali, però in caso di maltrattamento fisico, prevalentemente, e prevede pene severe.
    In questo caso si tratta più trascuratezza, quindi ti consiglio l'articolo 727 del Codice Penale che parla di abbandono di animali, perché per alcune sentenze della Cassazione (mi pare) la trascuratezza è stata parificata all'abbandono.

    RispondiElimina
  2. Direi che sentire un'associazione che si occupa di animali maltrattati potrebbe essere preferibile. Una cosa tipo l'AIDAA, tel. 348.7611439. Il ricorso alla forza pubblica rischia di essere lungo, costoso e in definitiva inutile. Tieni comunque conto che non riuscirai a far amare e rispettare di più il cane dai suoi padroni, purtroppo.

    RispondiElimina
  3. contatta prima i volontari LAV della tua zona, loro conoscono i canali giusti e sapranno consigliarti la via più giusta da intraprendere

    RispondiElimina
  4. Grazie a tutti per i preziosi consigli.
    Devo dare però ragione a Massimo Citi, non lo ameranno di più, purtroppo, e credetemi, non è gente che possa comprendere o cambiare solo perchè qualcuno glielo fa notare.
    Stasera loro sono in casa, lui è sul balcone, ma almeno gli hanno lasciato la porta aperta.
    Ieri sera comunque quando sono arrivati lui era felice e faceva le feste, ma lo fanno anche i cani che sono picchiati quandi fa testo?
    Sono riuscita a fare un video con la telecamera ad infrarossi di lui solo al buio che piange più volte. Almeno ho la prova. Farò altri video nel weekend e contatterò le associazioni che mi avete consigliato.
    Grazie

    RispondiElimina
  5. Che cosa triste!
    È come quelli che fanno i figli e non li cagano!
    Ma che cazzo lo prendi a fare un animale?
    Non so cosa sia meglio, sicuramente sentire le associazioni indicate sopra, e magari anche l'amministratore, che - teroricamente - potrebbe avere la diplomazia per affrontare la questione con questi vicini irragionevoli senza che poi sia il cane a pagarne le conseguenze.

    RispondiElimina
  6. Oggi, dopo essermi assicurata delle riprese video INOPPUGNABILI, ho scritto alla LAV e all'Amministratore. Vediamo che succede. E' lì che ulula come un lupo e che va avanti e indietro guardando se ritornano.

    RispondiElimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA