Passa ai contenuti principali

CHIUSO PER TRASLOCO

Sul mio diario del 1988 la frase "voglio una casa tutta mia" è ripetuta come un mantra. Ho sempre desiderato acerne una non per la smania di "sistemarmi", ma per avere un luogo tutto per me, i miei silenzi, le mie passioni, le mie abitudini e naturalmente da condividere con la persona che amo.
Venerdì prossimo io e Crash traslochiamo. SONO ANCORA INCREDULA! E prudente, tra meteoriti, elezioni pazze e neve meglio esserlo.
Finalmente avrò quella che Virginia Woolf chiama "A room of one's own", un posto dove poter pensare e scrivere, scrivere e pensare.
Per qualche giorno non sarò on line, la linea dati non è ancora stata connessa, roba di centraline noiosissima che non vi voglio infliggere.
Sicuramente non vi strapperete i capelli per l'assenza, ma sono una Lady dopotutto ed avvisare è cortesia.
Appena conquistata una internet key sarò di nuovo on line, roba di giorni.
Nel frattempo non fatevi infinocchiare dalle fanfalucche politiche...


Commenti

  1. Un trasloco... Una prospettiva allucinante per uno con la mia età. In ogni caso complimenti per il passo e una montagna di auguri di trovare là dove andrai il luogo giusto per "scrivere e pensare"!

    RispondiElimina
  2. Ma no l'abbiamo affrontato con moooolta calma preparando scatole da un mese!!!
    Grazie Max!!!

    RispondiElimina
  3. A ME finchè non torni mancherai di sicuro! ;)

    RispondiElimina
  4. Torna presto!
    Vivi il momento del trasloco con più tranquillità possibile, e nei momenti difficili ricorda che il trasloco è considerato la terza causa di stress psicologico dopo il lutto e la separazione.
    E comunque la foto che hai scelto è fantastica!
    Ti aspetto!

    RispondiElimina
  5. La vecchia casa mi piaceva un mucchio.
    Sul serio. :)
    Da come ne parli, la nuova sembra ancora migliore... e sono davvero curioso di vederla, magari la prossima volta che passo da quelle parti.

    PS Solidarietà per il trasloco... ne ho fatti quattro in cinque anni. Nessuno più di me sa cosa significa.

    RispondiElimina
  6. EVVAIIIIII!!!!!!
    Finalmente.... la tua "stanzetta"...
    Buona "prima notte" nella tua casa nuova. Ho le farfalle nello stomaco io per te...no... le libellule...

    Anche a me la tua "vecchia casa" piaceva un mucchio!! :O))))))))))
    @Cyberluke: 4 in 5 anni??? Tsè.... novellino.... con 17 in 38 io ti batto! Tiè! :O)

    RispondiElimina
  7. Auguri x casa nuova!!! ^____^ Io sono fortunatamente nella stessa casa da sei anni.... e sebbene non mi dispiacerebbero spazi più grandi, sono così affezionata alle mie cose, ai dintorni, al panorama che vedo dalla finestra, ai negozianti e ai vicini che mi salutano e mi chiamano x nome!!!

    RispondiElimina
  8. Grazie...! MI MANCHERETE!!!! Vado a "fare i cartoni" :P A presto!!!

    RispondiElimina
  9. Complimenti per casa nuova!
    Quando ho traslocato, un paio di anni fa, sono stata senza linea per un mese... spero meglio te :)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Complimenti per il grande passo.

    RispondiElimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA