Passa ai contenuti principali

Planet Earth

Se solo tutti pensassimo alla Terra come un pianeta di tutti e lo guardassimo come in queste splendide immagini della Nasa molte guerre e piccole lotte per poteri provinciali sembrerebbero più stupidi di quanto già non siano...
Mi piace sognare che un giorno tutto questo sarà visibile a molti.
Grazie a Giorgio Rivetto, un caro collega e appassionato di Star Trek come me.

Commenti

  1. Condivido, se solo ci pensassimo di più a certe cose il nostro pianeta sarebbe un posto migliore.

    RispondiElimina
  2. Condivido pienamente, ma prima occorrerebbe trasformare la natura umana...
    Ciao Angie

    RispondiElimina
  3. Quanta emozione guardando questo filmato ! e poi in un istante eccoci proiettati in una vera ed autentica "altra dimensione" così intanto tornano alla mente le Missioni Spaziali del Secolo scorso ma anche tanti film di Fantascienza (Star Trek in cima a tutti ovviamente!)e per finire le canzoni (anche quelle Pop degli anni 70 e 80 why not ?) : Planet Earth(Duran Duran), Space Oddity (David Bowie), Bad Mood Rising (Creedence Clearwater Revival), Rocket Man (Elton John) e molte altre ancora. Una passeggiata "virtuale" nello Spazio e qualche tenero ricordo (la celebre Moonwalk di Michael Jackson). Per finire mi permetto di riportare una frase di un Sociologo Canadese tale Marshall McLuhan: There are no passengers on spaceship earth. We are all crew.
    Thank you Lady Simmons for making us dream a little bit more.....!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per questa fantastica carrellata di canzoni!
      Sarebbe bello (vero Nick) pensare ad una carrellata di album, canconi, video musicali e copertine di dischi dedicate allo spazio)!
      La frase di McLuhan è davvero davvero stupenda, non la conoscevo, grazie!
      La posto nel Simmons Quote!

      Elimina
  4. La Terra sembra davvero molto, molto piccola. E non si vedono frontiere, né costruzioni umane di qualsiasi genere. La Terra è l'unico protagonista, come un miliardo di anni fa e come tra un miliardo di anni. Nel primo caso gli umani non c'erano ancora, nel secondo... vedete un po' voi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rischiamo di scomparire se continuamo ad inquinare così...

      Elimina
  5. D'accordissimo. Invece di colonizzare e rendere vivibile Marte, pensiamo a colonizzare e rendere vivibile questo pianeta stupendo in cui viviamo.

    RispondiElimina
  6. Leggendo le poche righe di questo post, mi è venuta in mente una profezia piuttosto nota, ma che è bene ricordarsi ogni giorno, vista la tendenza degli esseri umani (soprattutto alcuni...) di considerarsi il centro del mondo e superiori alla natura e all'ecosistema:
    "Solo dopo che l’ultimo albero sarà stato abbattuto…
    Solo dopo che l’ultimo fiume sarà stato inquinato…
    Solo dopo che l’ultimo pesce sarà stato pescato…
    Solo allora scoprirai che i soldi non si possono mangiare."

    Se cominciassimo a rispettare di più il nostro pianeta forse non dovremmo più vergognarci dell'ammasso di rifiuti che rischiamo di lasciare in eredità ai nostri figli.

    RispondiElimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA