Passa ai contenuti principali

MI METTO IN MOSTRA

Qualche mese fa ho frequentato un corso di fotografia presso il Centro Visual di Torino.
Qui, Davide Giglio, fotografo e insegnante, ci ha divertito e interessato con le lezioni frontali e peripatetiche in città.
E' stato importante per me, ho imparato molte cose, ma soprattutto mi è dispiaciuto moltissimo quando il corso è finito, ed io sono una difficle da interessare.
Il fatto è questo: domani ci sarà una mostra fotografica per l'inaugurazione della nuova sede della scuola, di allievi stagionati e allievi meno esperti, e tra le foto ce ne sarà una mia.
E' la prima volta che espongo qualcosa, ed è una sensazione strana, soprattutto per una persona come me che ama stare sempre dietro le quinte.
Il tema era "Torino ti adoro", ovvero ciò che per noi rappresenta Torino.

La mia foto sarà questa:



si tratta di uno scatto effettuato con macchina e pellicola lomografica (Diana Mini+Pellicola Redscale 200) e rappresenta il Parco Dora, ovvero il luogo che più amo di Torino. Si tratta di una ex zona industriale riqualificata ed restituita giorno dopo giorno alla città. Delle vecchie fabbriche hanno lasciato splendidi pilastri di metallo rossi ed una struttura coperta dove il Comitato Parco Dora ospita centinaia di eventi durante l'anno.

E' un posto magico, per me, è recupero del passato industriale, sono rottami che diventano organici assieme agli alberi nella riqualificazione ecologica delle zone dismesse. Non la Torino bene. Non la Mole, ma la rinascita, la trasformazione da città operaia a città green che non dimentica la sua storia di metalli e fusioni in un processo quasi onirico di trasformazione.

Ma ci sono diversi altri autori che meritano di essere visti, pertanto, siete tutti invitati domani alle 19, in via Sant'Ottavio 38, Torino.

Commenti

  1. Mi piace la foto, secondo me ne dovresti postare anche altre in futuro.

    RispondiElimina
  2. Bella! Fuoco nucleare all'orizzonte...

    RispondiElimina
  3. Te la opziono come possibile copertina di un mio romanzo di sf.
    A parte gli scherzi, ottima.

    RispondiElimina
  4. Ha un impatto quasi "Blade Runner". Come dice Nick, aspettiamo che posti altre foto in futuro.

    RispondiElimina
  5. La foto è stupefacente, ottimo lavoro, brava!

    (anche se beh… non sembra proprio un luogo da sogno :-))

    RispondiElimina
  6. Sono commossa, davvero. Grazie a tutti.
    Ne posterò altre sicuramente, sono anni che fotografo per passione, e per rilassarmi.

    @Iguana
    Il posto è molto bello, ma cercavo una foto che non fosse la "solita" immagine del Parco Dora (prova a googlare, verranno fuori dei bellissimi piloni rossi stagliati cntro il cielo).

    @Maxciti
    Se vuoi la foto per un tuo scritto sarei onoratissima.
    Chiedi pure, nel caso ne volessi, ne ho tante.

    E' stata una bella serata, emozionante vedere un proprio lavoro appeso con la targhetta, in mezzo alle altre.

    RispondiElimina
  7. Eccomi Lady! Scrivo il mio primo commento dopo la lunga assenza vacanziera!
    Sono tornata domenica e sono stata risucchiata nel vortice degli inserimenti scolastici!
    GRAZIE INFINITE per la cartolina!Non me l'aspettavo è stata davvero una bellissima sorpresa in mezzo all'orribile posta di comunicazioni e bollettini accumulata durante l'estate!

    La foto è davvero bella!Mi piace moltissimo! Mio marito dice che tra l'altro non è manco semplice da fare...(io purtroppo non mi intendo di foto in pellicola).
    BRAVISSIMA!
    Sul serio perchè non fai una specie di appuntamento sul blog dove posti una tua foto per volta?
    Magari ogni settimana o anche una al mese ma insomma con una certa cadenza!
    Ancora complimentoni!

    Cily

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cily delle belle parole...!
      Sono contenta che sei tornata così possiamo scribacchiarci un pochino...aspettavo il tuo ritorno per mandarti il libro, ricordi?

      Elimina
  8. È vero, sarebbe perfetta come copertina.
    Di qualsiasi cosa: un libro, un disco, come locandina di un film.
    Brava. Brava. E brava. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cyberluke, vuol dire molto il tuo apprezzamento per me visto che mangi pane grafica tutti i giorni e sei un Creativo.

      Elimina
  9. Ciao, un sacco che non passavo... :)
    Bella veste del blog (che non so da quanto c'è ma non avevo visto, perché quasi sempre leggo da google reader)!!
    Di fotografia non capisco niente e mi piacerebbe capirne... la foto è molto bella e, dalla tua descrizione, anche il luogo ritratto pare esserlo! :))

    RispondiElimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA