Passa ai contenuti principali

Strani, nuovi colleghi

Tratto da una vicenda vera.

"Scusa posso farti una domanda?"
"Si, certo".
"Ma tu per caso sei appassionnata di Star Trek?"
"Aspetta un momento". Quella che fino ad allora gli era sembrata l'assistente del capo poteva significare qualcosa di diverso, magari stellato?
"Guarda" disse lei orgogliosa mostrando il porta cellulare azzurro con il logo di Star Trek.
"Allora è vero! Sai, io sono iscritto allo STIC (Star Trek Italian Club) da 10 anni!" L'omino cominciò a parlare sottovoce, come ad un incontro tra partigiani... "A casa ho diversi modellini" divenne più circospetto, e cominciò a guardarsi furtivamente attorno abbassando ancora il tono della voce "sai...ho il grado di tenente, ma non sono mai andato ad una convention...tu?"
"Oh io sì, due volte, un'esperienza bellissima, devi assolutamente provarla"
"Sai, io sono andato a Bologna tempo fa - la voce si abbassava e incalzava il ritmo - ho visto un modellino di Enterprise ENORME! Ma come facevo? Troppo grande, poi mia moglie...shhh! Adesso vado... - alzò la mano separando le indice ed anulare dalle altre dita - lunga vita e prosperità".
"Live long and prosper".

Lei restò di stucco. Quell'uomo, un ingegnere convinto, serissimo e silenzioso che l'aveva sempre trattata con sufficienza gli parve più umano, anzi, vulcaniano.

(SIGLA di THE NEXT GENERATION)

Commenti

  1. Mi piace questo particolare di "storia vera", penso a quell ' ingegnere, magari immerso nel suo mondo superiore magari arrogante che per una volta si sarà reso conto che la vita è fatta anche di passioni.
    E di amicizie.

    RispondiElimina
  2. Adoro quando le persone ti sorprendono così! A volte siamo superficiali nel giudicare gli altri, mentre "noi" siamo "speciali", gli altri sono "la massa indistinta". E invece...
    Poi è vere, certe passioni ci rendono membri di una sorta di movimento segreto, uno sguardo, una parola e si diventa "compagni"!

    RispondiElimina
  3. Le passioni uniscono, laddove non hanno potuto, almeno fino a quel momento, aspetto, voci, atteggiamenti, o quanto di noi lasciamo filtrare sul posto di lavoro.
    Star Trek, poi, rappresenta un caso quasi unico nella fantascienza per quanto riguarda il concetto di uguaglianza e fratellanza universale, e non trovo affatto bizzarro che accomuni tante (ottime) persone al di là delle avventura intergalattiche. ;)

    ps Visto poi lo scontro tra Trekkies e fan di Star Wars in Fanboys?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo che l'ho visto...un film gustossimo! La scena della "rissa" è fantastica...!

      Elimina
  4. Stupenda esperienza. Io non ho ancora avuto il piacere di incontrare di persona un appassionato di certe mie passioni sotterranee, deve essere bello sentirsi meno soli al mondo.

    RispondiElimina
  5. @Geta, Nick, Aislinn
    Dovete sapere che al lavoro mi chiamano anche Morticia (alle mie spalle), e soprattutto non sono molto ben voluta perchè siamo "sopraggiunti" ad un'altra direzione ed ora facciamo rispettare le regole (cosa che prima non accadeva).
    Quindi questo signore mi ha sempre dico sempre guardata dall'alto in basso, con molta sufficienza.
    Invece adesso...dovreste vederlo.
    Ed è un po' buffo che tutto questo sia prodotto da...una saga televisiva.
    Sembrava così furtivo, mentre a bassa voce mi diceva Lunga vita e prosperità", come se avesse timore di essere scoperto dai colleghi...
    Sicuramente se sapessero gli darebbero dell'idiota, come spesso accade quando dici di essere fan di Star Trek.
    Ma adesso le cose sono cambiate, almeno con lui.

    RispondiElimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA