Passa ai contenuti principali

GEEK CAKE OF THE WEEK


Mi piacciono le torte, ma farne una così è abbastanza complesso. Durante un corso di decorazione per dolci, ho imparato che la pasta di zucchero è modellabile come il pongo, ma non è l'unica diavoleria modellabile.
Sicchè basta un "poco di zucchero" e un pizzico di "geekity" ed il risultato è questo.
Mentre i cake designer fanno soldi a palate con le torte a forma di borsa di Gucci, quelli pià creativi si dilettano in torte più "creative"...
Bon Appetit

Commenti

  1. Ne voglio una uguale per il mio compleanno! :)

    RispondiElimina
  2. Risposte
    1. Si potrebbe aprire una pasticceria splatter che fa solo teste mozzate, topi e occhi insanguinati...!
      Hihi

      Elimina
  3. Impressive!
    ... ma quel simbolo della Nike?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai l'occhio per il dettaglio, ma credo che la mano abbia tentato di scrivere prima di sortire una dolce fine...

      Elimina
  4. Per completare l'effetto, il pasticciere dovrebbe uscire dal laboratorio con una manica penzolante da cui sgocciola sangue e dire: "Ho fatto un piccolo guaio mentre tagliavo il pan di spagna, comunque ho cercato di rimediare..."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sei un artista, e mi ricordi un celebre monologo di Amici Miei che comincia con "Cos'è il genio?"

      Elimina
  5. Uh... non ho capito... hai modellato quel braccio mozzo nella pasta di zucchero??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sarei capace di creare simili bellezze, però è fatto di pan di spagna all'interno e all'esterno dalla pasta di zucchero modellata e colorata per sembrare pelle marcia

      Elimina
  6. bellissima! la voglio pure io!!! :))

    RispondiElimina
  7. Mamma mia, che torta macabra...
    Originalissima...però e da artisti.
    Ciao Lady
    Angie

    RispondiElimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA