Passa ai contenuti principali

INTERNATIONAL WOMAN DAY

Non cominciamo, per favore.
Niente mimose, e niente sordidi incontri con amiche ottuagenarie per strappare il filo interdentale dalle chiappe dello spogliarellista arancione per le lampade e la ceretta total body.
A questo abbiamo ridotto una ricorrenza che potrebbe invece essere momento di confronto intellettuale, di letture di conferenze a livello internazionale, persino di concerti stile 1 maggio. Ma non con le sciacquette Laura Pausini e consorelle. Vorrei sul palco le donne incazzate del rock, quelle che non si vedono mai su MTV perchè non sono abbastanza poppute e scosciate o scodinzolanti come l'insipida Shakira.
Letture illuminate, dibattiti, mostre fotografiche, proiezione di film che testimoniano le battaglie per la conquista della parità, l'affermazione nell'arte, nei mestieri socialmente identificati al maschile.

Ecco cosa troviamo su wikipedia riguardo alla festa della donna:

WIKIPEDIA.IT
La giornata internazionale della donna (comunemente definita festa della donna) ricorre l'8 marzo di ogni anno per ricordare sia le conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne, sia le discriminazioni e le violenze cui esse sono ancora fatte oggetto in molte parti del mondo. In Italia questa celebrazione si è tenuta per la prima volta nel 1911: nel 2011 si è tenuto il primo centenario.

WIKIPEDIA.ORG
International Women's Day (IWD), originally called International Working Women’s Day, is marked on March 8 every year. In different regions the focus of the celebrations ranges from general celebration of respect, appreciation and love towards women to a celebration for women's economic, political and social achievements. Started as a Socialist political event, the holiday blended in the culture of many countries, primarily Eastern Europe, Russia, and the former Soviet bloc. In many regions, the day lost its political flavour, and became simply an occasion for men to express their love for women in a way somewhat similar to a mixture of Mother's Day and St Valentine's Day. In other regions, however, the original political and human rights theme designated by the United Nations runs strong, and political and social awareness of the struggles of women worldwide are brought out and examined in a hopeful manner.

Partendo da una lotta politica e sociale dalle radici socialiste e comuniste per il diritto al voto, il diritto ad una vita professionale e privata senza discriminazioni di genere, alle proteste in piazza in tutto il mondo occidentale allora ditemi, come si è arrivati al banale ciuffo di mimose, allo spettacolino misero e squallido del palestrato nudo, ad una ricorrenza utilizzata da donne sposate autocastranti che approfittano una volta l'anno di "concedersi" una sera di libertà? Essere una donna indipendente non vuol dire essere femminista o arrapata all'8 marzo. Significa non cedere di fronte alla comodità della dipendenza economica, significa alzare la voce davanti all'ingiustizia di genere, significa far notare che dire "è una cosa da donna" è dispregiativo, far notare che non siamo geneticamente predisposte a fare i "lavori di casa" o ad accudire i figli, che non dobbiamo rinunciare alla vita professionale per la prole a favore dell'uomo.
Dovrebbe essere non una rimpatriata tra qualche carampana in attitudine da adolescente, ma una ricorrenza da celebrare con gli uomini, con i compagni (di vita), con i figli maschi, proprio per "educarli" qualora ce ne fosse ancora bisogno, per farsi aiutare nella lotta perpetua del rispetto, dell'equiparazione dei carichi familiari, degli stipendi,della considerazione sociale.
Non si tratta di un appello ad essere "bacchettone", la vita sessuale resta  personale, libera e allegra.
Ma non possiamo in un giorno così importante rapportarci al maschio per denudarlo, quindi sottometterlo, alla "vecchia e solita maniera" dei maschi allupati nei peep show.
Dovremmo invece celebrare le conquiste ottenute da donne d’eccellenza e gli uomini che hanno sostenuto il loro successo.
Laddove per successo non intendo soltanto la fama o la ricchezza, ma un qualsiasi tipo di traguardo verso la parità ed il rispetto dei diritti al femminile.
Non dimentichiamo inoltre che le violenze domestiche e non perpetrate sulle donne passano troppo spesso impunite o sono risolte con pene irrisorie rispetto ai danni psicologici e fisici subiti. Su questo nessuna donna e nessun uomo che abbia a cuore la sicurezza della propria compagna, figlia, madre, amica, collega può chiudere gli occhi. A questo dovrebbe servire l’8 marzo, a far mobilitare anche il genere maschile, non a dire “che bello stasera sono libero perchè lei esce con le amiche”. Dobbiamo evolverci, e dobbiamo farlo in fretta.
Ho preso un luogo a caso in Uk, il sito web dell'Università di Edinburgo per curiosare tra le iniziative che sono “leggermente” diverse dalle nostre: qui i dettagli http://www.ed.ac.uk/news/all-news/gregory-020212
Per imparzialità di cronaca, il sito dell'Università di Milano propone anche una conferenza sull'imparzialità di genere http://www.unimi.it/news/54494.htm. Ma ho sempre l'impressione che da noi si salga in cattedra e basta, mentre altrove, in quel di Edinburgo ad esempio, si cerchi si di far parlare professionisti o scienziati, ma poi di mettere le "mani in pasta" tutti insieme con concerti, scrittura creativa e molte altre iniziative che coinvolgono "persino" le donne e gli uomini comuni.
Happy International Women Day.

FONTI

Commenti

  1. Interessante riflessione... non ho mai "festeggiato" questa ricorrenza (se così vogliamo chiamarla) e soprattutto, come hai detto tu, trovo abbastanza squallido il modo di festeggiarla andando a vedere spogliarellisti e altre bestialità!

    RispondiElimina
  2. Un post molto ben argomentato, devo dire. Mi è piaciuto molto! Il problema, in fin dei conti, è culturale e molto spesso vengono additati solo i sintomi.
    Mi permetto di segnalare anche una conferenza tenutasi nella mia università (http://www.unimib.it/link/evento.jsp?8142717782522983340). Di iniziative ce ne sono anche da noi, ma sono forse meno vissute. E purtroppo l'accademia non è estranea alle discriminazioni di genere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, ma uomini come te che lo notano possono are la differenza!
      Grazie per la segnalazione!

      Elimina
  3. Sottoscrivo completamente. Le «mie» donne non vanno a vedere i maschioni nudi - buon per me - ma si incazzano facile se qualcuno inserisce un «... voi donne» o «... cose da donne» nel discorso. «Donne» usato da aggettivo piuttosto che da sostantivo. Se uno prova a girarlo al maschile il risultato è ridicolo o inquietante. «... Voi uomini» sembra l'attacco di un discorso da Vogon.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo.
      E mi arrabbio anche quando sento dire "gli uomini sono tutti ugualI" "roba da uomini" "gli uomini non ci arrivano" etc etc...
      E' la stessa discriminazione, e non è giusta.

      Elimina
  4. Sottoscrivo in pieno. Oltretutto per come viene festeggiato l' 8 Marzo diventa solo una grandissima ipocrisia.
    Il giorno delle donne (anche se preferirei parlare più di uguaglianza dovrebbe avvenire 365 giorni all'anno.

    RispondiElimina
  5. Ciao lady!
    Finalmente ho trovato il tuo blog!
    Bel post che mi riguarda da vicino visto che in questo periodo mi sento schizzofrenica.
    Normalmente faccio un lavoro "da uomo" ma in questo periodo della mia vita con i due bambini "finalmente mi comporto da donna".
    Ahhh se la gente sapesse quello che penso quando se ne esce con 'ste frasi...

    Cily

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco.
      Me lo sento dire da una vita!

      Ma benvenutaaa! Sono troppo contenta che sei passata di qua. onoratissima!

      Elimina
  6. Purtroppo ormai c'è la tendenza a commercializzare e omologare ogni data: il natale diventa il giorno dei regali e pasqua il giorno della cioccolata (ovviamente la ricorrenza dovrebbe risvegliare altri pensieri, ma...)
    L'8 marzo non fa eccezione: un corteo in strada non fa girare quattrini, i locali esauriti per lo strip-tease maschile sì.
    Purtroppo questo è il capitalismo: trasformare ogni cosa in un prodotto commerciabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tristemente vero. 1 maggio, San Valentino, qualsiasi cosa viene messa in vetrina mesi prima e commercializzata fino alla nausea.

      Elimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA