Passa ai contenuti principali

COME UNA VEGLIA IRLANDESE – Sabato 17 marzo ore 18 CS LIBRI Via Ormea 69, Torino

 Sabato 17 marzo alle ore 18 la libreria/casa editrice CS Libri invita i suoi lettori presso la propria sede in via Ormea 69 a Torino per quella che Massimo Citi chiama “una veglia irlandese”. Dopo 37 anni la libreria chiude per diverse ragioni, e l’idea è quella di salutarla degnamente, con cibo, libri e amici.
Il naturale progresso umano porta inevitabilmente alla chiusura di alcuni luoghi, di esercizi commerciali. Ma quando chiude una libreria sono sempre triste.
E-book, grandi catene negli ipermercati, vendite on line, tutto ha contribuito a questo risultato. Ma anche la pigrizia del lettore italiano, che si avvicina preferibilmente alla tecnologia telefonica piuttosto che leggere.
Basta guardarsi attorno, negli studi d’attesa, negli autobus, nella pausa pranzo al lavoro. Nessuno legge.
Ma se alla stessa ora potessimo teletrasportarci in varie città all’estero, nel mondo, saremmo sorpresi da quanti trascorrono i tempi morti tra un’attività e un’altra ANCHE leggendo.
Non è una crociata anti-modernità, io adoro la tecnologia. Ma i libri ci trascinano dentro un territorio che sta diventando sconosciuto, l’immaginazione.
Il mondo è ormai una sequenza di immagini e suoni digitali a velocità folli, che non lasciano il tempo di pensare, di alzare al testa e sognare.
La fantasia è sempre più connessa ad una macchina che sia un portatile, un iPad, un software evoluto di grafica.
Ma i libri con la loro fisicità ci ricordano la nostra natura umana e mortale, che ci illudiamo di dimenticare credendo all’immortalità della rete e alla reperibilità perpetua.
Una libreria che chiude va quindi salutata gioiosamente, all’irlandese, per quello che è stata, per i lettori che hanno trovato nella CS Libri un punto di riferimento, un posto dove passare al sabato pomeriggio, delle edizioni coraggiose di narrativa fantastica e horror.
A SABATO!

Commenti

  1. No, non si tratta di una crociata antimodernità, ma un libro cartaceo ha un fasciano tutto particolare.
    Un abbraccio a Massimo; Silvia e agli altri mi dispiace non poterci essere fisicamente. Fate la veglia anche per me ragazzi.

    RispondiElimina
  2. Bevetene uno per me, e fate un bel brindisi al futuro, che la libreria chiuderà pure, ma i libri restano.

    RispondiElimina
  3. Ehi Lady fate una buona veglia, festeggiate per la fine di un qualcosa che lascia spazio a qualcosa di molto più bello, grande e misterioso...
    Sono sicura che presto il futuro rivelerà a Massimo le sue carte... :)
    Parlando di cose meno filosofiche e più materiali...
    Cosa porterai?Sono curiosissima!

    Cily

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non te lo dico...se no rovino la sorpresa. Ma vi prometto di postare le foto, col consenso di Max naturalmente.

      Elimina
  4. Sono d'accordo un vero libro ha un sapore differente...oggi siamo nell'era delle informazioni, veloci, e ciò non è un male, ma occorre ritrovare il nostro territorio, l'interiorità perduta... e perchè no comprendere che abbiamo una scadenza anche noi...
    Brava Lady
    Ciao
    Angie

    RispondiElimina
  5. Il "modernismo" sferza, flagella, ma i cartacei non moriranno mai.
    Grazie Lady Simmons - W la Clover Beer!

    RispondiElimina
  6. Sparare sui lettori, o meglio, i "non-lettori" italiani è peggio che farlo sulla proverbiale Croce Rossa, quindi mi asterrò.
    E, parlando di cose più allegre: ci si vede a Torino, tra quattro settimane? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come promesso!!! Poi ti mando email per i dettagli, ma c'è tempo!

      Elimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA