Passa ai contenuti principali

Sceneggiature avariate

Adoro i fillm. Mi nutro di film da quando avevo 9 anni, e dal 2005 ho staccato pure il cavo tv e mi sono disintossicata dai palinsesti. Ne guardo almeno 6-7 a settimana, quando non m'interesso a qualche serie tv.
Ma di recente mi è capitato di guardare tre roiti (definizione di roito da NONCICLOPEDIA), ed esattamente Scontro tra Titani, Conan, L'ultimo dei Templari.
Sono film che saranno costati un certa cifra, no? Tra attori, costumi, effetti speciali, gommapiuma, mensa attori, luci, trucchi, staff, pubblicità. A me sembra però che sulla sceneggiatura ci sia un risparmio eccessivo, o una mancanza di professionisti. Perchè diciamo le verità, i dialoghi fanno schifo, le scene rislutano slegate, si tratta di film che farebbero morire di noia un bradipo assonnato. Sceneggiature scritte coi piedi, che Ratatouille avvrebbe potutto scrivere meglio.
Scontro tra Titani è semplicemente una vetrina di muscoli e di attori famosi, ma non eccelsi. Niente a che vedere con Scontro di Titani del 1981, molto più emozionante ed avvincente. Certo, bisogna guardarlo nell'ottica della grafica vintage, ma all'epoca giuro che convinceva. Ed il protagonista Harry Hamlin (una specie di Jim Morrison) era molto più Perseo e gnocco di Sam Worthington, . Senza parlare di Conan, con uno splendido Jason Momoa  sprecato per questa pellicola soporifera e assolutamente inferiore alla "mitica" versione con Schwarznegger.
E l'Ultimo dei Templari? Non sono riuscita a non addormentarmi. Come si fa a produrre un film simile e completamente spezzettato, incomprensibile, un valium fulmineo.
E poi Ron Perlman, che ormai mettono in ogni film? Come quando non sai con cosa condire la pasta e ci metti la spezia... "aspetta sono 5 attori, ce ne manca uno, chiamiamo Ron Perlman".
Ottimo attore, tra l'altro, che ho apprezzato di recente in una delle serie tv che adoro, Sons of Anarchy.
Ma nella nebbia, a parte mostri e misteriose creature, mi è apparso anche un film delizioso, divertente ma non idiota, privo di americanate, dal budget basso e i dialoghi brillanti, con un cast rispettabilissimo (Julienne Moore e Kevin Bacon tra gli altri), comico e mai insulso.  Si tratta di Crazy Stupid Love, ovvero le peripezie amorose di Cal e...ma non anticipo nulla. Non perdetelo! 

Commenti

  1. Beh, lo sai che a Hollywood adesso mancano le idee e che per questo fanno remake su remake e sai anche osa ne penso dei remakes.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io li detesto, è come mangiare una minestra riscaldata. Ci sono film che devono restare l', opera unica.
      Tranne Porky's! Di quello il remake ci sta...!

      Elimina
  2. Per fare un film devi avere una storia, per trovarla devi cercare uno scrittore... conosco un tale che per risparmiare $ e tempo (quando ne ha) assume tutti i ruoli: produttore, regista, sceneggiatore e impersona anche gli attori che vestono più ruoli (maschili, eh :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe lei codesto prodigio? Perchè guardi, se una persona fa le cose per bene (e ce ne sono) si può ricoprire qualsiasi ruolo ma farlo bene, producento interessantissime pellicole.
      Il problema è che questi hanno budget, attori, soldi e producono sceneggiature che la bambina del piano di sotto scriverebbe meglio.
      "Presto, ci hanno scoperti"
      "Andiamo"
      "Forza,tiriamo al 3. 1...2...3..."

      Ma vi sembrano parole da templari? Al 3? Ma come al 3? E che siamo in palestra?

      Sarei curiosa di saperne di più, se si tratta di sue produzioni.

      Elimina
  3. Il problema è che ormai sanno che la gente i film li guarda in tv (via cavo dopo tre mesi, o in chiaro dopo un anno, o prima ancora che escano al cinema tramite emule). E allora cosa hanno fatto? Hanno trasformato il cinema in uno spettacolo: TUTTI i film sono in 3D (*) (su emule no, gne gne gne!), tutti hanno grafica computerizzata spettacolare godibile solo sul grande schermo (sulla tv di casa no, neppure se hai un milione di pollici, gne gne gne!)
    Siamo arrivati al paradosso per cui è più facile trovare qualcosa di interessante nelle serie televisive a puntate (dove il budget è davvero limitato e bisogna lavorare sulle idee) piuttosto che al cinema miliardario avremmo-potuto-stupirvi-con-effetti-speciali-e-infatti-lo-stiamo-facendo.

    (*) "Lo schiaccianoci" era in 3D. Non ho ancora capito il perché.

    RispondiElimina
  4. "Conan" di Nispel ha di recente vinto il mio personalissimo premio per il "peggior film fantasy".
    Ciao.

    RispondiElimina
  5. @Ariano Geta
    Effettivamente hai ragione. 3D dappertutto (oggi ho visto persino il trailer di Guerre Stellari) al cinema e qualità scaduta.
    Però siamo al supermecato della celluloide, mi pare. Certi film sono davvero penosi nonostante enormi investimenti.

    @Salomon
    Mi linki il tuo post? Vorrei leggerlo.
    E comunque...hai buon gusto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà non ne ho scritto un post. Però mi hai dato un'idea e gli ho trovato uno spazio fra due settimane. ^^
      Il punto è che Conan, al di là dei tanti difetti, mi è sembrato proprio vuoto, senz'anima. Non c'è neanche un valido assortimento di mostri e battaglie che giustifichino la spesa.

      Elimina
    2. Si propri senz'anima. Concordo. Noioso e vuoto.

      Elimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA