Passa ai contenuti principali

The song doesn't remain the same


Sarà perché cittadino britannico, o per quei jeans stretti sul palco negli psichedelici '70s, o per la voce sensuale un po’ blues un po’ metal, ma questo signore mi è sempre piaciuto.


Abbastanza schivo (tranne che con le groupie), affatto commerciale, ha resistito senza tirarsela troppo ai Led Zeppelin senza uscirne come una vecchia cariatide che ripercorre palco dopo palco sempre le stesse trite e ritrite canzoni pieno di botox ovunque tranne che nel piloro.
I Led Zeppelin d’altro canto erano un mammuth difficilmente governabile a lungo. Al tempo di John Lennon e Mick Jagger, spudorati e anticonformisti certo, ma Robert Plant lo era di più. Sulle travi del palco, negli eccessi alcolici e sessuali da hotel, nella voce, nell’attitude.
Eppure ha resistito ad un’operazione delle corde vocali, a tristi eventi familiari, alla scomparsa di John Bonham e la fine dei Led Zeppelin.
Robert Plant si è reiventato in svariati progetti musicali solisti, o in collaborazione con Jimmy Page, Alison Krauss, Brian Setzer ed ha ripreso la sua carriera musicale senza ricalcare pietosamente la sua giovinezza (come accade a molte rockstar che non vogliono convincersi del tempo che passa), ma dedicandosi ad altri stili, probabilmente quelli che ama di più senza rinnegare la gloria del passato.  
Uno degli ultimi lavori, Rainsing Sand con Alison Krauss mi ha colpito particolarmente, perché lontano abissi dai miei gusti musicali.

E’ un album che va riascoltato più volte, gustato ostinatamente dopo il primo ascolto che lo classifica nel cervello rock come “moscio”. Ed invece è come leggere un haiku. Delizioso, breve, istantaneo ed emotivo.
Abbassate gli striscioni “eh ma la voce di Plant non è più la stessa”. Certo che non lo è, nessuno ha la stessa voce che aveva avuto a 20 anni. Ha saputo evolversi pur restando un musicista incredibilmente fertile.
E adesso tutti a ballare gnudi nella Foresta di Dean a ballare Rock n’Roll sotto la luna! E poi al Clearwell Castle...!

Fonti: foto 1 foto 2

Commenti

  1. Non solo si è saputo rinnovare, non solo è riuscito a non diventare un altro nostalgico rottame ma è anche riuscito ad essere sempre e comunque se stesso.
    Il che pensando ad altri reduci di quell'epoca non è poco.

    RispondiElimina
  2. Ammetto che per quanto riguarda Robert Plant sono fermo a "The ocean" e "Whole lotta love".
    P.S.: grazie per la visita al blog, ho googlato Jeff Jones e l'ho trovato interessante come stile, più tenebroso rispetto a Spirin.

    RispondiElimina
  3. Benvenuto a bordo!Robert Plant ha prodotto diversi lavori, alcuni più noiosi, altri bellissimi. E' un musicista interessante, che ha sempre molto da dire.

    RispondiElimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA