Passa ai contenuti principali

God save the Queen

Adoro il Regno Unito. Amo Londra, la varietà di intrattenimento, l'attenzione a tutti i palati, l'originalità delle mostre interattive, i musei affatto barbosi.
Anni fa, esattamente in Piccadilly Circus 1, nel London Pavillion, impazzava una succursale del museo delle cere Madame Tussauds chiamata Rock Circus "WHERE THE SPIRIT OF ROCK SPEAKS TO YOU, SINGS TO YOU, PLAYS FOR YOU, MOVES AND TOUCHES YOU".



Era davvero incredibile, tanto più che offriva, tra le altre meraviglie,  un sistema di cuffie senza fili progettata in modo che avvicinandosi (in una delle zone dell'esibizione) alle statue partisse la storia dell'artista raffigurato. Poi è stato chiuso, ed in uno dei miei viaggi a Londra sono rimasta parecchio amareggiata nello scoprire la notizia.
MA! Non sapevo quel che so oggi... molte delle statue sono state reintegrate nella collezione di Madame Tussaud ed invece è nata THE BRITISH MUSIC EXPERIENCE. Diviso in varie zone interattive, pieno di memorabilia, di mostre fotografiche come GIBSON THROUGH THE LENS (fino a febbraio 2012) e di divertenti eventi per qualsiasi età, è sicuramente una esperienza emozionante.


All'ingresso viene fornito un biglietto elettronico particolare chiamato smarticket, interagendo con i vari sensori delle zone da visitare "conserva" i vostri contenuti preferiti e li rende disponibili on line sulla home page della British Music Experience.
La BME si trova all'interno della O2 Bubble, un tripudio di intrattenimento tra locali, cinema, ristoranti e concerti. Attraverso il sito web è possibile persino "programmarsi" la giornata acquistando biglietti in anticipo e decidendo dove andare senza perdere tempo.
Direi che è arrivato il momento di tornare a Londra.

Commenti

  1. Direi che si, è arrivato il momento d'intraprendere un viaggio a Londra.

    RispondiElimina
  2. Beh! Finalmente Ti ho trovata Lady Simmons, prima di andartene però, proprio per il tuo strano commento, "sulle piante carnivore che sono tenere", di cui mi piacerebbe capire il significato... ti menzionerò sul mio blog...forse domani, sei davvero incredibile....tutto sommato mi piace la gente che scrive ciò che pensa...ma attenta a volte i nostri pensieri sono lo specchio di noi stessi.
    A presto Angie

    RispondiElimina
  3. Sono tenere nel senso che mi fanno tenerezza. Non sono proprio la prima scelta dei clienti che scelgono piante più "rassicuranti". Invece le trovo bellissime.
    Grazie per la visita e per la "menzione" sul tuo blog! Sono onoratissima!

    RispondiElimina
  4. C'è stato un periodo, diciamo anni novanta, in cui Londra era la mia città di riferimento.
    Ci andavo ogni volta che potevo, da solo, con amici, con la ragazza.
    Me la sono girata in lungo e in largo, fino alla noia.
    Finché, nel 2000, al culmine di uno dei viaggi più sfigati della mia vita, ho detto: ok, basta per un po'.
    E ci sono tornato solo quasi dieci anni dopo, da solo, ma non mi ha mai più fatto l'effetto delle primissime volte.
    Pensa che non sono nemmeno entrato nello O2 Bubble...

    RispondiElimina
  5. Diciamo che io amo il Regno Unito in genere. Anche io ero in fissa solo per Londra. Poi io e Crash (il mio uomo) abbiamo fatto un viaggio epico in macchina da Torino alla Scozia, e lì ho compreso che è l'intero mondo britannico ad innamorarmi.
    Gli odori, i colori delle strisce pedonali, l'amore per la natura mille cose.
    Lo so che le stesse cose posso trovarle anche in Svezia, ma l'innamoramento non si può spiegare.
    Dopo aver visto Edinburgo ho ridimensionato un po' Londra.

    RispondiElimina
  6. Edimburgo? Pensa che ci sono stato mezza giornata, e già non vedevo l'ora di andarmene. :D
    Ma è anche vero che mi trovavo nella compagnia più sbagliata possibile... avrà contato anche quello, immagino.

    RispondiElimina
  7. Sicuramente quello. Ci ho passato 3 giorni è splendida...si vede il mare! C'è il castello, è verde, è a dimensione umana...si mangia benissimo! Se vuoi ti mando delle foto

    RispondiElimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA