Passa ai contenuti principali

DEDICA UN RACCONTO AL TUO AUTORE PREFERITO

Sempre dall'ottimo blog Nocturnia ho letto di questo concorso letterario. Si tratta di scrivere racconti lillipuziani di massimo 600 caratteri spazi inclusi scervellandosi per includere nel testo le iniziali del nostro autore preferito. QUI il bando preciso preciso.
Non ho resistito, amando le cose piccole, invisibili, quasi trasparenti. E questo è il mio racconto:

VIRGINIA WOOLF
Veramente preferirei che non ingigantissi..:”
Resta fermo dove sei”
Gira, dai, accosta, io…
Non farmi girare i coglioni Ian, abbiamo chiuso”
Wyna…ora sei arrabbiata”
Ora lascia questa macchina,  fottuto stronzo, o dimmi chi è sta cazzo di Linda”
“Ma…”
“Vuoi che ti scaraventi fuori?”
“E’ la segretaria della ditta dove ho fatto il consulente un anno fa”.
“Linda la racchia?”
“S…si”
“Scendi” disse inchiodando. Lui scese, orecchie basse e volto stralunato.
Lei ripartì sgommando, direzione Linda.
 “Buongiorno, in cosa posso esserle utile?”
“Buongiorno Linda”. Suoni umani si confondevano con il sibilo mazza di legno e del cranio fratturato. Ne usciva di sangue, ma non tanto quanto desiderava.
Peccato. 

Commenti

  1. Oh, grazie mille per la segnalazione, sabato o domenica faccio un post citando tutti coloro che mi hanno sponsorizzato:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati!
      Mi piace divulgare iniziative intelligenti (e divertenti).
      Come ti è venuta lo sai solo tu, bravo!!!
      ^___^

      La mente umana a volte è così spassosa!

      Elimina
  2. Grazie per il gradimento Lady...ma io al momento ancora non ne ho parlato.
    Domani sicuramente ne parlerò però.

    RispondiElimina
  3. Vedi? Tanto mi piace il tuo blog che me lo sogno la notte, anzi, PREMONISCO!!!!

    RispondiElimina
  4. Ciao, ho visto il tuo racconto lillipuziano da ferruccio e mi è piaciuto un sacco!! :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie!! Ho dato un'occhiata al tuo blog, credo proprio che nei prossimi giorni me lo leggerò per bene...
      Ho letto anche il tuo misteriosissimo racconto! Ho postato anche da te! Buon concorso!

      Elimina
  5. Simpatico :-)
    Virginia Woolf era meno pulp ;-P comunque mi fa piacere notare che c'è sempre qualcuno che la apprezza. Sento tanta gente che la definisce "noiosa", e invece era solo così carica di emozioni interiori...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io la adoro. E' stata a modo suo una pioniera. E non è affatto noiosa, bisogna leggerla calandosi nel periodo storico, e nella sua vita artistica.
      Io ho letto quasi tutto, persino i diari e le lettere. Fuori dai libri ti assicuro che è persino spassosa.
      Era una donna troppo "moderna" per i suoi tempi. Si sentiva un'aliena ed in più le vicende familiari e di salute non le hanno affatto giovato.

      Elimina
  6. Alla faccia del racconto "quasi trasparente"!!! :-)

    Non so se la Woolf apprezzerebbe (troppa azione, temo, e poi quel Linda la racchia che, insomma…) però tutto sommato è bello potente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Woolf non apprezzerebbe, naturalmente.
      Grazie del parere! Hihi si, Linda è davvero racchia...

      Elimina
  7. Però Virginia Woolf molto colorito direi...certo che Nick, ha davvero mille conigli nel cappello...Bravi tutti..
    Ciao
    Angie

    RispondiElimina
  8. Se questo racconto è anche solo vagamente autobiografico, non credo di volerti mai incontrare. ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo è. A me la vendetta piace fredda e calcolata.

      Elimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA