Passa ai contenuti principali

Le canzoni svergognate

I blog nella rete sono tanti, forse troppi. Ma credo che aggiungerne un altro non sconvolgerà l'asse di rotazione del pianeta e forse divertirà qualcuno.
Cominciamo con qualcosa di divertente, ovvero qui pezzi che ognuno di noi ascolta furtivamente, chiuso in bagno (non per fare le cosacce, per quella roba esistono altre soundtrack), o mentre si pulisce casa o durante una sessione di potatura sopracciglia. Non guardati e non uditi, quei brani di cui vi vergorgnate, ma che proprio fanno parte di voi per qualche stramba, aliena ragione. Quelli che se gli amici lo scoprissero vi metterebbero ala pubblica gogna, appesi fuori dal vostro pub preferito.
Io ne ho diversi, influenzati dall'adolescenza pop e anni 80, sebbene la mia musica sia rock e metal per lo più. Uno di questi è Just for Tonight di Gilbert Montagné, mielosa, romantica e da Sanremo (sto per sprofondare in cantina dalla vergogna).
Poi Crazy for You e Borderline di Madonna. E non vogliamo metterci qualche pezzo dei Duran Duran? Non ce la faccio nemmeno a nominarli, ma giuro di canticchiare ancora con la scopa in mano a mo di microno in una mano ed il lysoform nell'altra, salvo poi compensare con un pezzo cattivissimo prevalentemente metal per ristabilire l'ordine cosmico e riabilitare l'onore.

Sempre meglio di qualcuno che conosco che fa il balletto con Toxic di Britney Spears e poi milita al martedì sera in una band hard rock...

Commenti

  1. Ci tenevo ad essere il primo!
    Sono felice di tenere a battesimo il tuo nuovo blog! :D

    RispondiElimina
  2. Cos'è, un invito a fare outing?
    Credi abbia paura?
    Eh?
    Hai ragione.
    Comunque, nel mio bagno vanno sempre piuttosto forte le hit degli 883 (Hanno ucciso l'Uomo Ragno e La Dura legge del Gol mi sono praticamente costati una ex-fidanzata), e, in tempi più recenti, non riesco a scollarmi dalla testa La differenza tra te e me di Tiziano Ferro.
    Ecco, uccidetemi pure.

    Oh, auguri per il nuovo blog! ;*

    RispondiElimina
  3. OOOh quale onore, i mie primi ospiti!

    @Nick
    e vabbè ma non è che ce ne tiramo fuori mentre io e Luke ci rimettiamo la reputazione! Fuori le canzoni!

    @Luke
    Eh bhè...che scheletri ragazzo! Su su va tutto bene, ora le puoi ascoltare senza sensi di colpa (forse)

    RispondiElimina
  4. Nick ascolta Enya. 'Nuff Said!
    Io ascolto solo musica buona...o forse non mi vergogno di nulla, è più pratico ;-)
    Fra roba pop anni 80 la canzone che mi piaceva moltissimo e continua a piacermi è Moonlight Shadow.
    auguri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Moonlight Shadow era particolare per essere "pop", un po' diversa dal tripudio di tastiere a cui gli anni 80 ci hanno abituati!
      Che musica ascolti dunque, sentiamola questa "buona musica" (sono sempre alla ricerca di nuovi artsti da scoprire!!!

      Elimina
    2. Noooooo! Non farlo!!!
      Io l'ho fatto e vedi ben come mi son ridotto!
      :-)

      Elimina
  5. Ehi! Non sapevo avessi aperto un blog!

    Bella roba! :-)

    E per tornare al volo nel topo (che schifo!), mi sa che mi tocca quotare marco qui sopra: "Io ascolto solo musica buona...o forse non mi vergogno di nulla, è più pratico ;-)"

    \m/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si l'ho aperto così smetto di tenere le cose che penso in mente e faccio spazio! E poi è un ottimo esercizio di scrittura!
      Bhè ma possibile non ci sia una dico una canzone che acsolti di nascosto da tutti? Una che tieni solo per te che non confesseresti neanche sotto tortura?

      Elimina
    2. No, davvero, non ce n'è. Anche perché ormai la musica è diventata faccenda quasi del tutto privata (salvo quando suggerisco qualche disco da ascoltare al figliolo più grande).
      E poi chiedi pure a marco: a sentir lui buona parte della musica che ascolto passibile di sempiterna vergogna.

      Elimina
  6. Eh, avevo compilato la lista nel post da Davide l'anno scorso, ma in generale i Triffids, la musica australiana in blocco (bè oddio, non Inxs, Silverchair e robaccia varia) punk postpunk new wave paisley underground cantautori rock e a scalare più o meno quasi tutto.

    Io l'ho fatto e vedi ben come mi son ridotto!

    Gli avevo fatto 2 cd, ma ho il sospetto di averli rivisti in una delle sue foto raffiguranti discariche e metalli squartati

    a sentir lui buona parte della musica che ascolto passibile di sempiterna vergogna.

    Beh, a me sembra di essermi sempre limitato ai libri ;-) di musica non mi pare aver detto granché Mi sa che ormai nella sua mente sono diventato un Babau mitologico

    Anche se almeno degli U2 un po' farebbe bene a vergognarsi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'hai ragione, c'ho la coda di paglia (la questione U2 mi ha segnato).


      BTW m'è bvenuto in mente un pezzo da vera vergogna. Uno che non ci posso fare niente, se per caso passa per radio, o se salta fuori da iTunes, non riesco proprio a far finta di niente: ascoltare (e vedere!) per credere!

      ok, ora sì che sono rovinato…

      Elimina
    2. perchè da vera vergogna???? E' un pezzo splendido...

      "I'm a cowboy, on a steel horse I ride" è una delle mie frasi preferite!!!!
      Magari ti vergogni perchè lo associ a qualcosa...
      Ma il pezzo è rispettabilissimo...

      Elimina
    3. Quel pezzo è legato indissolubilmente al mio primo giro in Scozia, che uno dei due amici con cui ci sono andato aveva una cassetta uatsamerica che ci ha frantumato i maroni per tutto il viaggio.

      Per me è causa di (lieve) imbarazzo perché dai, i Bon Jovi, suvvia! :-)
      Roba più retorica e tamarra, è difficile trovarla in giro…

      Elimina
    4. auuauaau la cassetta uatsamerica!!!
      hihi è vero, è retorica e spesso tamarra, ma sono legati alla mia adolescenza!
      bello...il viaggio in Scozia...

      Elimina
  7. uauauaua concordo...
    sai che non conosco i Triffids? Com'è possibile? Mi devo documentare...!
    Effettivamente la scena musicale australiana mi è ignota...

    RispondiElimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA